5x1000bannerNL

BRASILE

Oltre il pessimismo

di mons. GIULIANO FRIGENI

 

 Frigeni

 

Cari amici,

sembra ieri il primo dell´anno (2018) ed invece siamo già alle porte della festa di Pasqua che per noi è l´occasione di sentirci dopo le prime “battute” del nuovo anno scolastico che in Brasile inizia dopo il Carnevale!

La crisi del nostro Paese non è finita; l´operazione “ mani pulite” ( qui la chiamano “lava jato”!) continua a denunciare e mettere in carcere uomini che per anni hanno avuto in mano la macchina politica e che se ne sono serviti per rimanere al potere a lungo e con il passar degli anni si sono illecitamente arricchiti in maniera spudorata.

Seguo le notizie in Italia attraverso RAI Internacional e vedo che la vostra vita e la vostra politica non è immune da questi mali: anche da voi la gente non sa più in chi “credere e votare” e si moltiplicano i partiti che pretendono essere onesti, efficienti, più intelligenti, moderni, progressisti etc. etc.

Qui abbiamo bisogno di educare e sostenere il lavoro dei nostri educatori affinché non trasmettano ai piccoli e agli adolescenti il pessimismo che si annida nelle pieghe della bocca e del cuore e non permette di creare una fraternità , un’amicizia che sia educativa, cioè capace di introdurre i ragazzi nel mondo adulto, nel mondo moderno che anche qui fa moltissime vittime attraverso non solo le armi dei banditi che rubano e assaltano persone e banche, ma anche attraverso la droga che si impone come grande forza economica solo perché fa circolare milioni di “sporchi dollari”, oppure ideologie pericolose che si definiscono “progressiste” ma che difendono diritti individualistici come se fossero diritti universali!

Soffriamo nel vedere varie famiglie dei nostri ragazzi disfatte dalla violenza o dai vizi e molte mamme maltrattate o semplicemente abbandonate dai “mariti” (che sarebbe meglio chiamare di “maschi”!): finiscono così maltrattando i loro piccoli che quando vengono nei nostri centri raccontano tutto e vogliono raccontare tutto ed essere ascoltati. Quando poi un papà o una mamma prepara per loro una colazione o un pranzo diverso o comperano un vestitino o un giocattolo o delle matite colorate impazziscono di gioia, non per il regalo ma perché è il segno più bello dell´amore dei genitori che si ricordano di loro.

Sappiamo che stiamo “seminando” cose belle e buone nei cuori di questi piccoli grazie all´aiuto di Colui che è venuto tra noi per rendere più vera e umana la nostra vita e che ha già dimostrato di possedere un POTERE che non umilia e non schiaccia i più piccoli e poveri ma che ha il fascino persino sui cuori dei più ricchi e potenti.

E´ questo “POTERE-AMORE” che ci fa star dentro la realtà con occhi spalancati e cuore attento per non diventare vittime della burocrazia e delle menzogne così sfacciate che pian piano penetrano nel nostro quotidiano: così ci fa rabbrividire la coscienza quando scopriamo che anche noi facciamo parte di questo mondo che condanniamo.

Il rapporto con voi quando chiediamo ai ragazzi di scrivere o disegnare (se sono troppo piccoli), raccontando le loro esperienze vissute in casa o nei nostri centri educativi , questo appuntamento diventa per noi educatori, un profondo esame di coscienza sulla nostra azione comune, sulla nostra proposta sia come comunità che educa sia come singoli educatori che leggendo quello che i propri ragazzi vi scrivono comunicando quel positivo o negativo che ogni giorno assorbono quasi per osmosi dalla nostra convivenza con loro.

L ´esperienza che facciamo è simile a quella che fate voi, papà e mamme, con i vostri figli: all´improvviso ci troviamo di fronte a degli ometti o ragazzine responsabili, gioiosi davanti ai nuovi compiti che la vita fa loro affrontare e quando diventano papà e mamme (da 18 anni stiamo accompagnando varie “generazioni”!) vengono a trovarci e/o ci chiedono di educare i loro piccoli bimbi per la fiducia che è nata tra noi confermata dalla presenza fedele di educatori che hanno trasmesso quei valori che resistono al logorio della vita moderna.

Cristo Risorto, il Vivente ci faccia tutti innamorati della vita di questi bimbi e delle loro famiglie e che il bene che ci aiutate a fare con i vostri sacrifici, si trasformi per voi e per le vostre famiglie in quel “ centuplo” che Gesù ha promesso ai suoi quando gli hanno chiesto se valeva la pena rinunciare a tutto per seguirLo.

Una Santa Pasqua a tutti voi Amici carissimi.

Con affetto e stima                                                      

                                                                                              †Giuliano Frigeni

                                                                              ( Vescovo di Parintins-Amazonas)

 

Il SOSTEGNO A DISTANZA è una forma semplice di aiuto economico continuativo a una singola persona indicata dai missionari del Pime.

L'UFFICIO AIUTO MISSIONI del Centro missionario Pime di Milano la promuove dal 1969.

DOVE SIAMO

via Mosé Bianchi 94, 20149 Milano

ORARI

dal lunedì al venerdì: dalle 9 alle 12,30 e dalle 14 alle 17

CONTATTI

Telefono 02/43.822.322; 02/43.822.536
mail: adozioni@pimemilano.com

ATTIVA ORA UN'ADOZIONE A DISTANZA

Contattaci

   Via Monte Rosa 81 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more