5x1000bannerNL

HONG KONG

Sentirsi accolti a Natale

di padre GIOSUE' BONZI

bonziridottoNatale2015


Famigliari e amici carissimi,

voglio anzitutto rinnovarvi il mio cordiale ringraziamento per il continuo ricordo e sostegno che in diverse modalità e in diverse circostanze offrite con fedeltà alla mia missione e alla mia gente qui in Hong Kong-Cina..

Il Santo Natale che stiamo per festeggiare accade in un contesto di avvenimenti mondiali e di celebrazioni ecclesiali che muovono un po’ tutti, credenti e non, a svegliarsi, riflettere e prendere posizione.  E’ ovvio che, per chi vive ogni cosa all’interno di un cammino spirituale di fede e di amore, ogni avvenimento e celebrazione, in particolare l’Anno Santo della Misericordia, voluto e inaugurato da Papa Francesco, aprendo la prima porta, molto significativamente, in un paese tribolato e bisognoso dell’Africa, diventano uno stimolo positivo per la crescita di una fede più viva e di un amore più grande. Ma ogni crescita autentica costa disagi e sofferenze.

La cosa più deleteria che uno possa fare è quella di separare il Natale di Gesù dal suo nocciolo centrale, di un Dio, cioè, talmente innamorato di me piccolissima creatura, da nascere nella mangiatoia di una stalla e morire, tradito, rinnegato, torturato, umiliato, vilipeso, crocifisso, per poi risorgere perché io abbia la possibilità di essere innalzato alla dignità di condividere la Sua vita, in forma iniziale già in questa esistenza terrena, destinata poi a concludersi con un’esplosione eterna nel Regno di Dio,

Se uno non cerca sinceramente di vivere il Natale come autentica e inappagabile esperienza spirituale, e poi mi parla di presepe e di croce puramente come dati culturali e tradizioni del territorio dov’è nato o dove si trova a risiedere, usandoli per scansare gli impegni, i disagi e le sofferenze del vivere l’amore per il prossimo facendoci “prossimo” alle persone che vivono accanto a noi, giungendo addirittura al disprezzo e all’attacco della loro dignità umana e al rifiuto e rigetto dei profugo e del bisognosi, costui si comporta da avversario del Vangelo e pertanto di Gesù stesso, per cui sarebbe bene che non si preoccupasse del Natale e di qualsiasi celebrazione e festa cristiana.

E’  giusto che ci sentiamo onorati e orgogliosi. delle nostre buone tradizioni, ma solo se vissute sempre in profondità, sviluppandole e arricchendole con l’atteggiamento di apertura al dialogo, all’accoglienza e alla convivenza. Del resto io mi son trovato per vocazione e missione a vivere 48 anni  in un paese lontano e diversissimo da quello di origine e sto’ tuttora beneficiando dell’accoglienza di tante persone, credenti e non credenti, che mi fanno sentire a casa. Ovviamente quelli attorno a me, come succede anche quando sono in Italia, non sono tutti uguali e positivi nel loro atteggiamento nei miei confronti, le eccezioni ci sono sempre, ma non sono tali da poter intaccare la bellissima realtà di sentirmi accolto e amato. Questo del resto avviene in Italia nei confronti di tanti che vengono da paesi lontani e diversi, ma purtroppo i mezzi di informazione non si interessano delle piante buone con fiori e frutti, ma di quelle marce che crollano facendo tanto rumore.

In questo Santo Natale, circondato dalla mia gente di Hong Kong-Cina, nell’Eucaristia e davanti al Presepe, imploro in modo particolare la grazia di crescere nella Riconoscenza dell’Amore misericordioso di Dio, reso visibile in Gesù Bambino, e della Fedeltà alla Vocazione e splendida Missione che tutti condividiamo.

Nel 2016 si celebra:

•    l’Anno Santo della Misericordia: Giubileo della Chiesa Universale
•    Il Giubileo della Sacra Spina di San Giovanni Bianco – 25 marzo
•    Il Giubileo del Cinquantesimo di Ordinazione Sacerdotale – 28/29 giugno
che riguarda la mia povera persona e quella dei confratelli sacerdoti
ordinati nel 1966, tra i quali sono lieto di contare l’attuale vescovo di Hong Kong, John cardinal Tong

Sovrabbondanza quindi di stimoli alla Riconoscenza, alla richiesta di Perdono misericordioso e alla Fedeltà.

Per quanto riguarda il giubileo che si celebra al paese dove sono nato, dove ho ricevuto Battesimo (1940), Cresima, Prima Comunione, celebrato la Prima Santa Messa solenne e dove ho ricevuto il crocifisso di Partenza per la Missione ad Gentes (1967), ho da poco ricevuto dal Superiore Regionale PIME di Hong Kong-Cina la risposta alla lettera ufficiale che il parroco Don Diego Ongaro mi scrisse per chiedere che io sia presente, non solo spiritualmente ma anche fisicamente a San Giovanni Bianco alle celebrazioni in onore della Sacra Spina e in particolare durante il Triduo Pasquale, nell’occasione eccezionale in cui il Venerdi Santo coinciderà il prossimo 25 marzo con la festa dell’Annunciazione (occasione che non si ripeterà fino al 2157). P. Giorgio Pasini, bergamasco di Gromo in Val Seriana, Superiore Regionale dal giugno scorso, ha dato il suo consenso positivo e gentilmente, si è detto disponibile a sostituirmi nell’impegno di condurre le celebrazioni della Settimana Santa e Pasqua nel Centro Diocesano per la Pastorale dei Disabili, dandomi così la possibilità di essere presente nel mio paesello per una decina di giorni in questa circostanza straordinaria..

Sabato 19/12 le 4 case-famiglia della Fu Hong Society hanno fatto un gioioso incontro natalizio con la partecipazione di tanti volontari e amici, tra cui il vescovo emerito di Hong Kong, Joseph cardinal Zen.
Celebrerò la Messa della Notte di Natale nel suddetto Centro Pastorale con tante persone portatrici di varie forme di disabiità, compresi tutti i membri delle nostre 4 famiglie. La Messa dell’Aurora nella parrocchia di San Lorenzo in Kowloon e quella del Giorno di nuovo nel Centro Pastorale con la mia famiglia dell’Encounter e tanti portatori di disabilità e amici.

Con tutta la gente qui attorno auguro con affetto sincero a tutti voi::

Buon Natale e Buon Anno Giubilare!


Aff.mo in Cristo,

p. Giosuè

Il SOSTEGNO A DISTANZA è una forma semplice di aiuto economico continuativo a una singola persona indicata dai missionari del Pime.

L'UFFICIO AIUTO MISSIONI del Centro missionario Pime di Milano la promuove dal 1969.

DOVE SIAMO

via Mosé Bianchi 94, 20149 Milano

ORARI

dal lunedì al venerdì: dalle 9 alle 12,30 e dalle 14 alle 17

CONTATTI

Telefono 02/43.822.322; 02/43.822.536
mail: adozioni@pimemilano.com

ATTIVA ORA UN'ADOZIONE A DISTANZA

Contattaci

   Via Monte Rosa 81 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more