5x1000bannerNL

THAILANDIA

«Ferite e resurrezioni»

di padre ADRIANO PELOSIN

PelosinPalme

Carissimi amici,

Oggi 5 marzo torno da un giro in giardino e vedo che gli alberi di mango stanno fiorendo adesso, con due mesi di ritardo, segno del cambiamento climatico. Ho notato anche che il gran canale che porta l'acqua per irrigare le risaie e le coltivazione di vegetali e' quasi secco, segno di una imminente siccita' (ricordiamo che cinque anni fa abbiamo avuto un' alluvione di dimensioni bibliche).

La situazione politica non e' cambiata, siamo ancora sotto la dittatura militare. E anche se il prezzo della benzina e' sceso, il costo della vita continua a crescere. Questo e' il momento degli usurai che fanno fortuna sulla miseria della gente. Distribuiscono danaro al 5%, 10%, 20% di interese al giorno. .. La povera gente perde quel poco che ha perche' non puo' pagare ne' gli interessi, ne' il fondo.
Nei mesi di gennaio e febbraio ho pagato i debiti di parecchie persone, soprattutto nonne con nipotini. Le ragioni dei debiti: un incidente, una morte improvvisa, una malattia prolungata, il capo famiglia e' in prigione, gioco d'azzardo, fallimento dell'attivita' economica: allora chi rimane non puo' piu' pagare le rate della moto, della casa, degli strumenti di lavoro; per esempio: la motocicletta con carrozzella che serve per raccogliere rifiuti da riciclaggio.

Il 13 marzo sono stato a trovare Deng, un uomo di 37 anni con cinque figi. La moglie e' scappata di casa dopo aver litigato con lui. La figlia maggiore ha sedici anni e ha appena partorito un bellissimo bambino. Abbiamo contattato il "Centro San Martino" dei Padri del PIME a Pak Kret perche' accolga i quattro bambini piu' piccoli. Andranno li' quando le scuole chiuderanno per le vacanze il 25 marzo.
Il 14 marzo il signor Sammat mi ha detto che la signora Rerai ha superato l'operazione : un tumore all'intestino e emmoroidi. Rerai vive sola con un figlio, in una capanna senza acqua e senza luce; ha appena fatto il funerale di due figli morti di tubercolosi ; anche suo marito e' morto. Rerai soffriva molto, ma non voleva andare in ospedale perche' da quando e' nata, i suoi genitori non l'hanno registrata come cittadina Thai e quindi non ha il diritto alla cure mediche gratis. I signor Sammat e suo figlio Pat per piu' di dieci giorni hanno girato mezzaThailandia per trovare i parenti di Rerai che potesero testimoniare presso le autorita' che Rerai e' la loro sorella, avere la carta di identita' e la famosa "tessera d'oro" con la quale si puo' esere curati gratis.

Il 15 marzo sono stato con la signora Noi alla corte di Pathumthani. La signora Noi erata stata messa in prigione perche' accusata di non aver restituito i soldi presi in prestito da una usuraia. Io ho pagato la cauzione per poterla tirare fuori dalla prigione. La Noi e' una vedova povera... Ieri il giudice l'ha proclamata innocente. Questo e' gia' il terzo caso di giustizia in cui sono stato coinvolto personalmete con cauzione. Un signore Buddhista mi ha detto: "Le Cose Sante del Cielo" ti assistono."

Il 16 Marzo sono andato con l'avvocato cattolico Kan nella baraccopoli di Lat Lum Kew (Provincia di Pathumthani) a trovare la gente.. quattrocento famiglie minacciate di sloggiare dopo piu' di cento anni che vivono li'...sulle terre di un signore che non conoscono. L'avvocato cerchera' di far valere la legge che concede agli abitanti che son vissuti su un pezzo di terra senza pagare l'affitto piu' di dieci anni, di aver possesso di quella terra. Al pomeriggio ho incontrato un gruppo di genitori i cui figli sono in prigione per aver picchiato un'altro gruppo di giovani (6 ragazzi sono nel carcere minorile altri 4 sono nella prigione per adulti), l'avvocato Kan ha spiegato sia ai ragazzi sia ai loro genitori come andra' il processo e lui si e' impegnato ad aiutare questa gente delle barraccopoli di Wat Sake (Pathumtahani) affiche' sia fatta giustizia... Qui la polizia spesso ascolta chi da soldi; ed esagera o riduce le accuse secondo la quantita' di soldi ricevuti.

Nel frattempo a Lat Lum Kew stiamo costruendo bagni-toilet per la povera gente e ristrutturando parecchie case. Il direttore dei lavori e' David, un Iraniano, rifugiato politico, che da mussulmano e' diventato cattolico; si sta preparado a diventare prete (se Dio vorra' ). Ha gia' 50 anni e si sta dedicando anima e corpo per aiutare la povera gente. Qui la maggioranza della gente e' anziana , molti di questi anziani sono anche ammalati...

Da due settimane e' arrivato anche Nok, un giovane di 22 anni che ha studiato alberghiera e adesso vuole aiutare la povera gente. A Wat Kok invece c'e' Art, un giovane di 25 anni che ha preso la laurea in Filosofia e adesso insegna gratis ai bambini della scuola piu' povera e malmessa della citta' di Pathumthani. La scuola ha poco piu di cento alunni dall'asilo alla sesta elemtare, non ha maestri a sufficenza... allora noi ci siamo impegnati ad aiutare. Oggi e' arrivato anche Chat della tribu Lahu, che ha finito le superiori e potra' dare una mano in questa scuola. C'e' anche "IA" un'altro giovane di 25 anni della tribu' Mong che ha finito le superiori e gia' lavora nella baraccopoli di Wat Sake assieme al brother Pan che a Giugno andra' nel seminario dell'Istituto Missionario Thai per continuare la Teologia.

Quest'anno entreranno nel primo anno di Filosofia Tua e Toey. Tua e' un giovane di 30 anni laureato in "Storia dell'Arte e Beni Culturali": e' professore all'universita' Rachapat. Ha scoperto la vera gioia di vivere servendo i piu' poveri nelle baraccopoli. Ha deciso di entrare nell'Istituto Missionario Thai. Anche Toey, lureato in "Ingegneria di Risorse Umane" entrera' nello stesso Istituto questo Giugno. Toey, una volta scoperta la sua vocazione, ha cominciato a lavorare nelle fabbriche per creare piu' giustizia, comprensione e collaborazione tra lavoratori, padroni e dirigenti...sono cominciati anche i problemi.

Mentre vi sto scrivendo, oggi 17 Marzo, quattro dei miei collaboratori sono a visitare i prigionieri nella prigone di Sam Kok, che provengono dalle baraccopoli dove lavoriamo. Io, appena finito di scrivere la lettera andro' a trovare un bambino di quattro anni, senza genitori, in ospedale , vive con la nonna e altri tre cugini.

La Thailandia non e' solo problemi come vi sto descrivendo. Ma la Thailandia in cui io sono immerso e' questa... e i poveri stanno aumentando e con i poveri anche i problemi sociali... ma anche le vocazioni missionarie e l'interesse per Dio che ascolta il grido di questa gente e viene loro incontro attraverso di noi. Quest'anno avremo nove seminaristi in Seminario Maggiore e una decina che si stanno preparando ad entrare l'anno prossimo o tra due anni. Quest'anno abbiamo anche 15 catecumeni che riceveranno il battesimo a Pasqua e altri trenta che si stanno preparando al battesimo per gli anni prossimi... ci sono piu' di cento bambini che ogni sabato e domenica ascoltano le "Storia di Gesu'", sanno gia' pregare e si esercitano nelle opere di misericordia soprattutto verso gli anziani e malati.

C'e' una grande abbondanza di pesce ... ed e' vicino alla riva... aiutateci a tirare su le reti e portare il pesce a Gesu' che sta abbrustolendo altro pesce... il suo corpo donato ...la sua chiesa pellegrina.
"sapevano bene che era il Signore".
"Allora Gesu' si avvicino' prese il pane e lo diede a loro e cosi' pure il pesce" (Giovanni 21:12-13).
La vita della chiesa.

Cristo e' veramente risorto e ed e' in mezzo a noi.

Buona Pasqua a tutti.

padre Adriano Pelosin

Il SOSTEGNO A DISTANZA è una forma semplice di aiuto economico continuativo a una singola persona indicata dai missionari del Pime.

L'UFFICIO AIUTO MISSIONI del Centro missionario Pime di Milano la promuove dal 1969.

DOVE SIAMO

via Mosé Bianchi 94, 20149 Milano

ORARI

dal lunedì al venerdì: dalle 9 alle 12,30 e dalle 14 alle 17

CONTATTI

Telefono 02/43.822.322; 02/43.822.536
mail: adozioni@pimemilano.com

ATTIVA ORA UN'ADOZIONE A DISTANZA

Contattaci

   Via Monte Rosa 81 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more