5x1000bannerNL

Zon

 

CENTRO MISSIONARIO PIME MILANO

MERCOLEDÌ 03 APRILE, ORE 21

BRASILE: CHIESA DI FRONTIERA
MONS. ADOLFO ZON PEREIRA
vescovo dell’Alto Solimões, in Amazzonia, al confine con Colombia e Perù

 

Una diocesi grande quanto mezza Italia nel cuore della foresta amazzonica, ma con una popolazione di appena 200 mila abitanti dispersi in oltre 250 comunità, distanti tra loro ore di barca. È una terra di frontiera in tutti i sensi quella dell’Alto Solimões, dove è vescovo il saveriano spagnolo dom Adolfo Zon Pereira. Al confine tra Colombia e Perù, è un luogo di traffici illeciti e criminalità, ma anche crocevia di popoli che vanno e vengono dai villaggi sperduti lungo il fiume. Qui vive un’umanità varia fatta di indios, ma anche di comunità di ribeirinhos e immigrati. Una sfida non indifferente per una Chiesa che oggi può contare su appena quindici sacerdoti tra diocesani e religiosi. E su una nuova presenza delle Missionarie dell’Immacolata (le suore del Pime), che vi sono arrivate un anno fa, ridando vita a una cappella abbandonata da vent’anni.

Mons. Adolfo Zon Pereira dialogherà con Giorgio Bernardelli - giornalista di Mondo e Missione che lo ha recentemente incontrato nella diocesi amazzonica - mercoledì 3 aprile, nell’ambito delle serate di Quaresima 2019.
Sarà anche l'occasione per ricordare padre Nello Ruffaldi, missionario del Pime in Brasile per tanti anni accanto agli indios, scomparso proprio in questi giorni.

L’incontro, così come lo spettacolo narrativo “L’Amazzonia non è verde” di mercoledì 10 aprile, si inseriscono nella CAMPAGNA “IL GRIDO DELL’AMAZZONIA" promossa dal Pime in vista del Sinodo del prossimo ottobre.

 

 

Contattaci

   Via Monte Rosa 81 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more