AliceTheresienstadt

 

 

A MILANO- PER LA GIORNATA DELLA MEMORIA 2019

Spettacolo-concerto
«ALICE, LA PIANISTA DI THERESIENSTADT»

Venerdì 25 Gennaio 2019 ore 21.00

Teatro PIME p. Piero Gheddo, via Mosé Bianchi 94, Ingresso libero,

Info e prenotazione biglietti:

https://www.stagionepime.com/alice.html

tel. 02.43.822.317 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

«La musica ci ha salvato la vita e con la nostra musica noi abbiamo salvato delle vite.
Mentre suonavo pensavo: se adesso Hitler fosse tra il pubblico, forse non penserebbe allo sterminio»

 

La storia di Alice Herz-Sommer, pianista ebrea sopravvissuta all'orrore del lager grazie alla musica va in scena a Milano, nella Giornata della Memoria 2019.

Lo spettacolo dal titolo "Alice, la pianista di Theresienstadt" è un concerto-narrazione ed è proposto dal Centro Missionario Pime di Milano all’interno della Stagione Teatrale 2018/2019.

Morta all'età di 111 anni nel 2014, Alice è stata una grande testimone del nostro tempo oltre che una straordinaria artista. La rievocazione alterna brani di Beethoven, Chopin, Schubert, Listz e di altri compositori da lei amati, al racconto della sua incredibile vita: dall'infanzia a Praga alle persecuzioni, fino alla guerra, alla deportazione con il marito (che morì ad Auschwitz) e il figlio Rafael di soli 7 anni a Theresienstadt, dove, grazie alla musica, trovò la salvezza ed emigrò poi in Israele.

In scena artisti di altissimo profilo come la pianista milanese Alice Baccalini, la voce recitante di Elda Olivieri e il canto di Rachel O'Brien per una produzione ideata da EquiVoci Musicali, ensemble di creativi della parola, della recitazione e della musica che lavorano insieme per costruire eventi innovativi, utilizzando sul palco diversi canali comunicativi capaci di avvicinare il pubblico più variegato.

«È incredibile pensare che una donna abbia sfidato Hitler con le note di Beethoven – commenta Andrea Zaniboni, che ha curato la drammaturgia del recital –, ma del resto la musica ha donato ad Alice la fede e la forza di vivere, tanto che alla fine lei stessa arriverà ad affermare che la vita è meravigliosa e degna di essere vissuta, perfino quando è dura. Una testimonianza di grande attualità, un esempio per tutti, specialmente per i più giovani».

 

giornatatratta

Anche quest’anno, il Centro Pime di Milano, Caritas Ambrosiana e Mani Tese, con il contributo di AICS e la collaborazione di Ucsi Lombardia e Fesmi, promuovono un importante convegno informativo e formativo in occasione della GIORNATA MONDIALE CONTRO LA TRATTA DI PERSONE, che si celebra l’8 febbraio:

 

NUOVI MURI, NUOVI SCHIAVI

Migranti, tratta e moderne schiavitù

 

Nel mondo, sono oltre 40 milioni i nuovi schiavi. E sono sempre di più i nuovi muri. Muri reali e simbolici che contribuiscono a creare - anche in Italia - maggiore insicurezza delle migrazioni e costringono le persone ad affidarsi a intermediari pericolosi, esponendole al rischio di traffico di esseri umani e gravi forme di sfruttamento.

APERTO A TUTTI - INGRESSO LIBERO

Il convegno è accreditato per la formazione permanente di giornalisti, assistenti sociali e insegnanti (MIUR)

 

CENTRO PIME MILANO - VIA MOSÈ BIANCHI 94  - 9.00-13.00

9.00-9.30: registrazione

PRIMA PARTE: IL QUADRO

 

9.30-10.15: UN MONDO DI MURI: TRATTA E SCHIAVITÙ NEL XXI SECOLO

Antonio Maria Costa, ex vice segretario generale Onu e direttore Ufficio Onu droga e crimine, Unodc (2002-2010)

 

10.15 – 10.45: IL MURO DEI DIRITTI UMANI NEGATI

Prof. Marco A. Quiroz Vitale, sociologo del diritto Università di Milano, autore di “Diritti umani e cultura giuridica”

10.45 -11.15: IL MURO DELLA PROPAGANDA (E LA CARTA DI ROMA)

Prof. Marco Valbruzzi, politologo Università di Bologna e direttore Istituto Cattaneo

 

11.15- 11.30 Pausa  

 

SECONDA PARTE: I CASI

11.30 -11.50: MESSICO

René Manenti, Scalabriniani, Casa del Migrante di Tijuana

11.50 – 12.30: AFRICA OCCIDENTALE

Laudolino Carlos Medina, Associaçào dos Amigos da Criança (AMIC), Guinea-Bissau

 

12.30 - 13.00: ITALIA

Virginia Sabbatini, Progetto Presidio Caritas Italiana, grave sfruttamento lavorativo, Saluzzo

-----------------

NEL POMERIGGIO

LABORATORI PER INSEGNANTI su iscrizione (con attestato di partecipazione): 14.30-16.30

 

LAB1. Lavoravo a strada: la tratta per lo sfruttamento sessuale in Italia oggi

LAB2. Schiavitù moderne, come parlarne in classe e perché

LAB3: Migrazioni e intercultura, come parlarne in classe e perché        

-----------------

 

Info:    Pime Milano: 02.43822313 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / www.pimemilano.com                            

            Mani Tese: 02.4075165 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / www.manitese.it

            Caritas Ambrosiana: 02.76037353 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / www.caritasambrosiana.it 

                               

Iscrizioni:  Giornalisti: SIGEF (in attesa di accreditamento)

   Insegnanti: clicca qui

     Assistenti sociali: clicca qui

 

Natale2018Pimemilano

 

Era forse il 2004, il secondo Natale che celebravo da giovanissimo parroco nella periferia di Phnom Penh in Cambogia. La comunità cristiana era piccolissima, un nugolo di bambini e adolescenti riempiva la casetta di legno in cui celebravamo la Messa ogni domenica. Un centinaio di persone affollavano la chiesetta. Al momento della comunione, la processione verso l’altare era un’opera da contorsionisti perché lo spazio mancava davvero. Per Natale, proposi che la Messa fosse celebrata in cortile, in modo da dare la possibilità di parteciparvi anche a chi non era parte della comunità. Invitai tutti a portare almeno un amico perché – dicevo – la gioia del nostro Dio che nasce bambino dovete condividerla. Arrivò il 24 dicembre, tutto era pronto, il cortile addobbato, i microfoni fischiavano e gracchiavano come al solito, le sedie e le stuoie erano preparate. Ero pronto per una celebrazione raccolta, ben cantata, con un’atmosfera quasi mistica come mi era capitato tante volte in quella minuscola comunità.

Tutto era pronto... tranne il parroco, perché la celebrazione non andò secondo le mie previsioni. Il coro riuscì ad essere stonato come non mai grazie a un volenteroso corista dell’ultimo minuto. Ma soprattutto fui preso in contropiede da una folla curiosa e urlante che si assiepò davanti alla recinzione, distraendo e disturbando me e tutta la celebrazione. Terminai la Messa alquanto innervosito e mi dissi: mai più un Natale così! Passarono poche ore e capii la bellezza di quella serata che non era andata secondo i miei piani. Era successo esattamente come a Betlemme 2004 anni prima. Col censimento in corso, chissà quale confusione regnava nel paese, tutti in movimento. E chi aveva tempo di prestare attenzione a un bimbo che nasceva? Era uno come tanti per chi non sapeva guardare le stelle e ascoltare gli angeli. Tre re magi, pochi pastori sono venuti per adorarlo, il resto del mondo badava ai suoi affari. Eppure quel bimbo è nato lo stesso ed è nato soprattutto per chi era attaccato alla recinzione del cortile facendo rumore, distraendo e disturbando il parroco milanese presuntuoso. Ed è proprio questa la forza del Natale, di questo piccolo Dio che nasce nella confusione dei nostri cuori e delle nostre giornate e non pretende di fare grandi cose, vuole solo uno spazio per poppare il latte di sua mamma e piangere come ogni altro bambino. Questo è Dio, Gesù, che nasce a Natale, pronto a stare nella culla delle nostre confusioni, debolezze, lontananze e starci con ostinazione ma senza disturbare. Gesù diventerà adulto in noi solo se gli daremo lo spazio per crescere, altrimenti resterà un piccolo neonato, nascosto, ma sempre presente.

Da più parti sento avanzare ormai la consapevolezza che l’Italia è diventata terra di missione, possiamo affannarci con strategie e piani pastorali sofisticati e pensati da esperti di ogni scienza sociale per affrontare questa nuova situazione che spesso ci spiazza, ma la vera risposta è la nascita di questo Dio bambino, perché Lui nasce comunque, anche là dove la gente è distratta e non si interessa a questo evento che è la salvezza di tutti. Questo è il cuore della missione della Chiesa e di ognuno di noi che ne facciamo parte.

Buon Natale a tutti!

padre Mario Ghezzi
direttore del Centro missionario Pime di Milano

 

Nella foto: il Natale nel villaggio Lahu di Hinkham in Thailandia (la foto ce l'ha inviata in questi giorni padre Marco Ribolini)

banner amazzonia

 

Papa Francesco ha convocato un Sinodo speciale dedicato all'Amazzonia che si terrà nell’ottobre 2019. Si tratta di un evento che interpella il Pime in maniera particolare: per noi la grande foresta e i popoli che la abitano non sono la moda del momento, ma una terra di missione dove, dal 1948, siamo presenti annunciando il Vangelo a fianco degli indios, delle vittime del traffico di persone e delle vittime innocenti del narcotraffico, spesso emarginati e dimenticati da tutti.

Per questo durante il 2019 rinnoveremo il nostro impegno attraverso una grande campagna di sensibilizzazione dedicata a questa regione del mondo fatta di informazione, eventi in piazza, sostegno a progetti dei nostri missionari
 

campagna amazzonia

CLICCA QUI PER VEDERE LA PRESENTAZIONE DELLA CAMPAGNA «IL GRIDO DELL'AMAZZONIA»

VUOI SOSTENERE LA CAMPAGNA?

dona ora amazzonia

 

 

 abbonamenti2019

 

Sentiamo sempre le stesse notizie. Vediamo sempre le stesse facceChe sia un telegiornale o una bacheca su Facebook finiamo per parlare sempre delle stesse cose. Ma il mondo finisce davvero qui?

Quest'anno a Natale fai una scelta diversa: regala un abbonamento a «Mondo e Missione», la rivista dei missionari del Pime. Ogni mese in casa tua entreranno tante storie che ti aiuteranno a scoprire che davvero il mondo ha tante facce. E iniziare a conoscerle è il primo passo per costruire un futuro migliore per tutti.

CopAlgeria

COME RICEVERE «MONDO E MISSIONE»?

La rivista è inviata in abbonamento postale: arriverà a casa tua in dieci numeri per ogni anno (durante l’estate vengono realizzati i numeri doppi di giugno-luglio e agosto-settembre) 

L'abbonamento COSTA SOLO 28.00 EURO

ABBONATI SUBITO ON LINE
A «MONDO E MISSIONE»

SCOPRI QUI TUTTE LE ALTRE MODALITA'
PER EFFETTUARE IL TUO ABBONAMENTO

 
Ci sono inoltre alcune formule di abbonamento attraverso le quali è possibile sostenere con un gesto di particolare amicizia l’attività dei missionari del Pime e l’impegno per l’informazione missionaria.  

ABBONAMENTO SOLIDARIETA’ - 60.00 euro
Oltre a ricevere a casa tua Mondo e Missione, contribuisci a un progetto specifico dei missionari del PIME, seguendo poi mese per mese sulla rivista la testimonianza di chi lo sta portando avanti in prima persona. 
Fino alla fine del 2018 questo progetto è destinato all’impegno di padre Massimo Bolgan, missionario in Thailandia.
Dal 1 gennaio 2019
sosterremo invece Francesca Bellotta, volontaria dell'Associazione Laici Pime in Camerun.

 
ABBONAMENTO SOSTENITORE - 50.00 euro
Un segno di amicizia e di fiducia nel nostro impegno di informazione.

ABBONAMENTO PORTA 1 AMICO - 50.00 euro
Sottoscrivi o rinnovi il tuo abbonamento e ne regali uno a un amico (in questo caso devi indicarci nelle note l'indirizzo della persona a cui destinare l'abbonamento).

REGALA MONDO E MISSIONE A UN CONVENTO O A UN MISSIONARIO – 28.00 €
Puoi fare un regalo anche a un convento o a un missionario permettendoci di inviare a loro un abbonamento a Mondo e Missione.

MassimoCasaro

 

Mercoledì 19 dicembre - ore 18.30

IL MIO BRASILE
PADRE MASSIMO CASARO
Missionario del Pime a San Paolo

 

Chi lo ha conosciuto nei lunghi anni trascorsi al Centro Pime di Milano non ha potuto non lasciarsi affascinare dalla sua personalissima e stimolante avventura umana e spirituale. Ma anche ora che da sei anni è missionario in Brasile, padre Massimo Casaro continua a restituirci una lettura originale e profonda del contesto in cui è stato chiamato a vivere e a operare. Un Brasile fatto soprattutto di incontri, di relazioni, di umanità. Ma anche di sfide epocali dettate dal nuovo corso politico.

AL TERMINE: APERITIVO EQUO E SOLIDALE

chiara castellani BIS

 

Mercoledì 12 dicembre - ore 18.30

SAVANA ON THE ROAD

CHIARA CASTELLANI

medico missionario in Repubblica Democratica del Congo

 

 

Per quattro anni, abbiamo condiviso con Chiara Castellani, chirurgo di guerra e medico missionario in Repubblica Democratica del Congo, le sue “avventure” africane, attraverso la rubrica “Diario da Kimbau” pubblicata su Mondo e Missione. Ora - alla vigilia delle cruciali elezioni che si terranno il 23 dicembre - torna da noi per raccontarci la sua vita e quella delle persone che le sono più care. A cominciare da Kikobo - il suo “braccio destro” da quando ha perso un arto in un incidente - che con lei è protagonista anche del suo ultimo libro “Savana on the road” (San Paolo), scritto a quattro mani con Mariapia Bonanate.

 

L'appuntamento è il primo di due APERITIVI DAL MONDO proposti dal Centro missionario Pime in vista del Natale. Segnati già la prossima data: mercoledì 19 dicembre alle 18,30 incontro con padre MASSIMO CASARO, missionario del Pime in Brasile.

 

 

 

 

MondayGospel

 

Secondo appuntamento per la STAGIONE TEATRALE PIME 2018/2019

MONDAY GOSPEL in concerto


DOMENICA 16 DICEMBRE 2018 ore 21.00
Teatro Pime p. Piero Gheddo

INGRESSO 12 EURO / RIDOTTO 10 EURO

ACQUISTA QUI IL BIGLIETTO

PRENOTA QUI IL TUO POSTO E ACQUISTA IL BIGLIETTO LA SERA STESSA IN TEATRO

 

Il coro Monday Gospel, fondato nel 2007, è composto da cinquanta elementi con una grande passione per la musica nata dalla sofferenza e dalla voglia di riscatto delle popolazioni africane ridotte in schiavitù, nei secoli scorsi dai coloni degli Stati Uniti d'America. È con questo spirito infatti che i coristi vivono il canto: sperimentare la musica spiritual e gospel in tutta la sua energia e comunicatività, realizzando così spettacoli accattivanti e coinvolgenti dove anche la platea diventa parte integrante dello show. Con il tempo ed il continuo lavoro il coro ha raggiunto una notevole capacità professionale nella proposta dei propi concerti, avvalendosi così anche della collaborazione di alcuni solisti professionisti.
Il repertorio è molto vasto e comprende brani della tradizione spiritual e gospel dalla loro nascita fino ai giorni nostri e brani tratti dai repertori rock e pop anche contemporanei

adozionifascia

 

Dicembre è un mese in cui molti benefattori vengono personalmente nei nostri uffici di via Mosé Bianchi 94 a Milano a rinnovare il proprio sostegno a distanza all'opera dei missionari o a destinare gesti di generosità a nuovi progetti. Nel rinnovare il nostro grazie ricordiamo gli orari di apertura del nostro Ufficio Aiuto Missioni:

Dal lunedì al venerdì: dalle 9 alle 12,30 e dalle 14 alle 17

Oltre che nelle festività di Natale e Santo Stefano l'Ufficio Aiuto Missioni resterà chiuso lunedì 24 dicembre e lunedì 31 dicembre.

 

Per informazioni:

Telefono 02/43.822.322; 02/43.822.536
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

 

orfea

 

VENERDI' 23 NOVEMBRE ore 21

TEATRO PIME PIERO GHEDDO (via Mosé Bianchi 94 - Milano)

 

SECONDO ORFEA.
QUANDO L'AMORE FA MIRACOLI

Con:
MARGHERITA ANTONELLI
MARCO AMATO, regia
MARCO ELLI, luci
SERAFINO TEDESI, musiche​

 

Margherita Antonelli (nota per la sua attività di cabaret a Zelig), come in una sorta di quinto vangelo al femminile, mette in scena uno spettacolo che ci farà ripercorre le tappe più importanti della vita del Cristo (del "suo ragazzo", come direbbe Orfea) con umorismo, tenerezza e un pizzico di poesia, sino ad arrivare ai fatti drammatici della sua morte e resurrezione, che cambieranno per sempre la vita di questa tenace e semplice donna del popolo. Orfea infatti è vedova di un centurione romano, che vive a Gerusalemme nell’anno 1. ​Un giorno vede arrivare i nuovi vicini di casa: lui si chiama Giuseppe e fa il falegname, lei si chiama Maria ed è incinta. Tra loro si instaura un forte legame di amicizia e di affetto. Orfea si prenderà cura di tutta la famiglia e in particolare di questo ragazzino un po’ “strano”...

Lo spettacolo ha vinto il primo premio al concorso dei Teatri del Sacro. La freschezza, il ritmo e la vivacità del linguaggio lo rendono adatto ad un pubblico di ogni età.

 

INGRESSO LIBERO. Prenota il tuo posto qui

 

LO SPETTACOLO È IL PRIMO APPUNTAMENTO DELLA STAGIONE TEATRALE PIME 2018-2019. SCOPRI QUI TUTTI GLI APPUNTAMENTI

 

Pagina 1 di 25

Contattaci

   Via Mosé Bianchi 94 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more